Ecco perché Roma è la città eterna.

Albio Tibullo fu il primo a definirla così,ma vorrei spiegarvi perché per me lo è! Io e Lucas l’abbiamo girata completamente a piedi e vi giuro che tutte le bellezze sono legate tra di loro.

Arrivati a Roma Termini abbiam percorso circa dieci minuti e ci siamo trovati al Colosseo .. lo sapevi che per costruirlo sono stati necessari poco più di 5 anni: dal 75 all’80 d.C. e che si chiamava Anfiteatro Flavio?

DOPO AVER VISTO L’ALBA AL COLOSSEO

ci siamo messi in viaggio, maps e Lucas da guida e ci siamo diretti a Trevi. Per la stessa strada abbiamo ammirato i Fori Imperiali del Campidoglio ; Sapete chi fece demolire parte dei fori per creare l’odierna Via dei Fori imperiali che collegava il Colosseo,il simbolo della Roma antica con Piazza Venezia il simbolo della Roma “Nuova”?
                  Benito Mussolini

Così siamo arrivati a Trevi, bellissima la mattina presto ai miei occhi.

Successivamente ci siamo diretti a Piazza di Spagna e dopo aver salito tutte le scalinate di Trinità dei Monti abbiam goduto di un panorama mozzafiato! Riscese ,per riprendere le calorie perse,ci siamo ricaricati con un mcChicken e un mcMuffin bacon egg.

Risultato immagini per scalinate roma

Un’ora dopo siamo arrivati a Campo de’ fiori e in uno scorcio al Pantheon, “tempio di tutti gli dei”, letteralmente, Πάνθεον Pán- tutti , theon- gli dei. 

Vi siete domandati come mai anche se “bucato” non ci piova dentro?
Spiegazione: La cupola, realizzata con calcestruzzo mescolato a tufo e pietra pomice su una cassettatura in legno, sale a rosoni sempre più piccoli che convergono verso il centro, dove si trova l’unica “finestra” della chiesa, detta “oculus” (occhio). Il Pantheon non è stato protetto da copertura oltre che per ragioni tecniche (la cupola sarebbe caduta per il peso eccessivo) e simboliche (per comunicare direttamente con le divinità), anche per sfruttarne la particolarità (dal foro entra un fascio di luce che consentiva studi di astronomia).

Quando piove, l’apertura crea un “effetto camino” cioè una corrente d’aria che porta alla frantumazione delle gocce d’acqua. Così, anche quando la pioggia fuori è battente, la sensazione è che all’interno piova meno; sensazione rafforzata dal fatto che i fori di drenaggio sia centrali che laterali sul pavimento impediscono il formarsi di pozzanghere.

Non si può andare a Roma e non visitare Campo de’ fiori. Una piazza camaleontica, io amo i colori del fiori, ricca di storia con la sua statua in onore a Giordano Bruno, rivolto verso l’illuso acerrimo nemico: il Vaticano. La statua è diventata un simbolo della libertà di pensiero e della volontà dell’uomo a lottare in difesa delle proprie idee.
Vi dicevo è una piazza camaleontica perché si trasforma durante le ore del giorno e della notte. Il mercato la mattina dove acquistare prodotti gastronomici e non , per poi trovarla svuotata nel pomeriggio perfetta per un aperitivo in uno dei tanti locali che la circondano e infine caotica la sera con turisti e ospiti anche a volte sopra le righe per qualche drink di troppo.

Ho scattato tante foto a queste stampe bellissime con sfondo il Tevere fino a quando il nostro sguardo si è posato lì, a Castel Sant’Angelo, edificato intorno al 123 d.C. come sepolcro per l’imperatore Adriano e la sua famiglia, Castel Sant’Angelo ha un destino atipico nel panorama storico-artistico della capitale. Mentre tutti gli altri monumenti di epoca romana vengono travolti, ridotti a rovine il Castello accompagna per quasi duemila anni la storia di Roma.

E come poteva mancare San Pietro , noi abbiamo avuto la fortuna di capitare in concomitanza all’arrivo del Papa , che celebrava il giorno della Vita, il dono di cui dobbiamo avere più cura.

Fattasi una certa ora abbiamo deciso di far dietro front e ritornando mi aspettava una sorpresa; Lucas mi ha portato sul punto più alto di Roma , la terrazza del Vittoriano , con una vista mozzafiato.

La nostra visita è finita poco dopo , ma Roma è sempre una scoperta , è vita e rivoluzione , pensare di essere lì dove hann vissuto re e regine , scrittori , rivoluzionari è magia.

The Black Flamingo

Sharing is caring: